ASUS TOGLIE I VELI ALLE MB Z270

ASUS TOGLIE I VELI ALLE MB Z270
PRIME,STRIX,ROG
La Z270 Maximux IX Formula in pole position per il lancio di
Kaby Lake…

Il lancio di Kaby Lake, nome in codice per la prossima evoluzione dei processori Intel, è ormai alle porte con le prime giornate del CES 2017, importantissima fiera annuale dell’elettronica di consumo che vedrà il primo chipmaker al mondo presentare una manciata di nuove tecnologie che accompagneranno i nostri acquisti nel prossimo anno.

Questa nuova generazione non stravolgerà molto il settore, ma ciò non toglie che l’occasione del lancio dei nuovi chipset “serie 200” possa fungere da ghiotta occasione per un eccellente produttore come ASUS di rinnovare la sua offerta di schede madri e presentare una lineup completa per gli appassionati con una nuova famiglia di schede madri Republic of Gamer, STRIX e la entry level PRIME per build più sobrie ed attente al portafogli.

Tutte le schede al via utilizzeranno soluzioni all’avanguardia per l’overclocking, ma saranno anche particolarmente attente all’estetica (con gli immancabili sistemi di illuminazione Aura RGB), alla qualità costruttiva, al sonoro e allo storage con l’inedita tecnologia Intel Optane (3D XPoint).

Al vertice le soluzioni ROG Maximus IX, nella forma della straordinaria Extreme, per esperti del watercooling con il dissipatore monoblocco Bitspower, la notevole Formula, con predisposizione CrossChill EK II per un sistema a liquido elegante e perfettamente integrato e, infine, la Hero, ovvero la ROG per i giocatori più attenti al rapporto qualità/prezzo.

Le nuove aggiunte prendono il nome della Code, una variante della Formula priva di alcuni extra, e della Maximus IX Apex, caratterizzata da una “vocazione” totale all’overclocking come non si vedeva sul mercato da tantissimo tempo.

L’ammiraglia Extreme si dota di un blocco dissipante in grado di coprire tutte le sorgenti calde su una scheda madre, vale a dire CPU, VRM e chipset, con dissipazione anche per lo slot M.2, fornendo agli appassionati di watercooling una piattaforma che fa il paio con le capacità di OC innate di una ROG Z270, che ridefiniscono il limite con frequenze massime nell’ordine dei 4000MHz con 4 slot occupati per quanto riguarda le memorie ed un generatore di clock dedicato per tirare fuori ogni MHz dai nuovi processori Intel di 7a generazione.

Ispirata dalla Formula, la Code offre l’affidabilità di componenti premium, connettività Wi-Fi aggiuntiva e compatibilità Aura Sync RGB per portare la ROG Armor a livelli più accessibili per tutti i giocatori.

Progettata su un layout custom, ma sempre ATX, la Apex è una scheda “non rettangolare” dotata di due soli slot DDR4 più un terzo slot per un scheda aggiuntiva in grado di supportare due ulteriori SSD M.2 via PCH, alimentazioni aggiuntive EPS a 8pin e molex 4 pin, oltre a caratteristiche quali pulsanti specifici per l’overclock e punti di misura delle delle principali tensioni, audio a 8 canali e porte USB 3.1 anche Type C.

La necessità di un’offerta più “organizzata” per giocatori ed appassionati è il motivo alla base della creazione delle nuove STRIX, un brand che già conosciamo e che si piazza appena un gradino sotto le premiate ROG, dalle quali riprendono lo schema di branding.

Le STRIX Z270E, Z270F, Z270H, per quanto riguarda il segmento ATX, con la mATX Z270G e la ITX Z270I (un’impressionante lineup!), si differenziano appunto per la lettera finale che, oltre a riprodurre un chiaro ordine alfabetico di importanza, si collega ai già noti suffissi Extreme, Formula, Hero, Gene e Impact usati sulle ROG.

La nuova serie si distingue per un design modernissimo e lineare, che nasconde specifiche di tutto rispetto per l’overclock sia dei processori LGA 1151 Kaby Lake e Skylake che delle memorie, con slot M.2 e connettività USB 3.1 a coprire le esigenze di computing ad alte prestazioni.

Come soluzione a 360° per il giocatore, le STRIX si dotano di un curato sottosistema audio, con l’esclusivo codec Realtek S1220A (presente su tutta la lineup Z270 ASUS), e la compatibilità Aura RGB, per un effetto luminoso completamente regolabile e sincronizzabile con tutte le periferiche e componenti ASUS ROG/STRIX Aura RGB compatibili, come il mouse Spatha, la Claymore e le ultime schede NVIDIA GTX e AMD RX, con inoltre due connettori extra, a seconda dei modelli, per strisce LED RGB.

Streamer professionisti e meno potranno inoltre usare il Sonic Studio III e la sua funzionalità Multistreaming per trasmettere solo i flussi audio desiderati: in questo modo il giocatore può avere la sua musica in cuffia ad alto volume, mentre lo spettatore può sentire chiaramente solo la voce ed i suoni di gioco.

Insieme alle STRIX, le ROG Maximus IX utilizzano un così estensivo e funzionale set di connettori per ventole e pompe per sistemi a liquido da rendere del tutto obsoleta la necessità di controller dedicati: con le Maximus IX Formula e Code si è in grado di disporre di ben sei canali indipendenti ed otto alimentazioni, in modalità PWM o DC selezionabile a piacere.

Di queste, alcune sono predisposizioni per ventole con corrente massima a 1A, dove a seconda dei modelli troviamo connettori predisposti per pompe di liquido su sistemi AiO, con assorbimento standard, ma anche speciali canali ad alta potenza, per pompe discrete o ventole ad alte prestazioni, con assorbimento a 3A, ovvero 36W di potenza massima per canale!

I sensori di temperatura integrati sono cinque (più altri tre tramite la scheda Fan Ext Header) con connettori predisposti sulle Maximus IX per sensori di temperatura e flussimetri per il loop.

Le schede ROG e STRIX sfruttano l’ultimo NIC Intel Gigabit Ethernet, rinomato per le eccellenti prestazioni in grado di sbloccare la massima banda TCP ed UDP disponibile, liberando preziose risorse per il gaming.

Con un occhio alle crescenti richieste per l’home netoworking, ASUS svelerà al CES la ROG Areion 10G by Aquantia, la prima scheda ethernet 10G per il mercato consumer, pensata per sfruttare la banda disponibile grazie ai PCI Express di terza generazione.

Con Z270 viene inoltre riproposta la gamma The Ultimate Force, conosciute precedentemente come “Sabertooth”, con le TUF Mark 1 e Mark 2, due schede ATX di fascia alta per build davvero particolari, sempre armate di tutte le tecnologie per l’overclock come per il sonoro e la rete, utili per costruire un sistema all’avanguardia.

I dettagli completi della lineup ASUS Z270 e B250 per Kaby Lake saranno disponibili come sempre sul sito del produttore, mentre terremo gli occhi aperti per i prezzi con i primi modelli immediatamente disponibili dai rivenditori autorizzati.

Lascia un commento